Colori brillanti e finiture speciali, ma non sono solo un fatto estetico. Sono molto importanti, scopriamo perché.

L’occhialino da nuoto nasce come dispositivo di protezione individuale per gli occhi. Il nuotatore deve proteggere i propri occhi da due cose: l’acqua e la luce. La luce direte voi? Si certo, a volte molto più fastidiosa e soprattutto insidiosa dell’acqua. Un’errata esposizione della retina ai raggi solari può provocare danni gravi ed irreversibili. Per questo, la cura e la protezione degli occhi dei nostri atleti si trova al primo posto nella progettazione gli occhialini da nuoto MP Michael Phelps e Aqua Sphere.

Negli anni Sessanta e Settanta l’occhialino da nuoto si trovava in commercio con lenti trasparenti o scure, senza particolari varianti cromatiche. Fu solamente con l’avvento delle prime macchine industriali per la specchiatura, alla fine degli anni Ottanta, che la tecnologia fornì all’industria dell’articolo sportivo la possibilità di personalizzare le lenti degli occhiali e delle mascherine da nuoto con effetti metallici dai colori più disparati.

Prima con funzione solo estetica, poi applicata seguendo precisi criteri scientifici, la specchiatura colorata oggigiorno è in grado di correggere, filtrare, amplificare o ridurre la luce ed i colori caratteristici dei diversi ambienti in cui un nuotatore si può trovare. Non lo sono forse una piscina coperta poco illuminata, magari in una fredda giornata invernale, oppure una piscina scoperta al sole di mezzogiorno, o ancora una baia illuminata dal sole al tramonto, od un lago immerso nella foschia del mattino?

Occhialino XCEED con specchiatura titanium e lenti curve brevettate

Non può esistere tuttavia un solo tipo di lente che assolva al compito di essere il filtro ideale per tutti gli ambienti, temporali ed atmosferici, ma possono esistere diverse lenti con diverse proprietà che siano uniche ed ottimizzate per ogni specifica situazione.

Maschera Vista Pro con specchiatura titanium dorata

La tecnologia Titanium Lens di MP Michael Phelps è un rivestimento speciale che avviene sottovuoto, utilizzando apparecchiature sofisticatissime gestite da fisici e ottici specializzati. Esso viene applicato su lenti in policarbonato (il materiale dei compact disk, dalle ottime proprietà ottiche ed antiurto), precedentemente lavorate con trattamento antigraffio all’esterno ed anti-appannante all’interno. Strati alternati di minerali diversi danno origine ai colori blu, oro, argento, verde, mandarino o rosso. Ogni colore filtra ed accentua specifici raggi solari e luminosi.

Questa tecnologia non è un semplice filtro per la luce solare. Agendo su specifiche lunghezze d’onda, le Titanium Lens MP possono aumentare il contrasto e la definizione di specifici colori.

Succederà quindi che un triatleta trovandosi in acque libere circondato da un solo colore, troverà vantaggiosa una lente specchiata blu, che rifletta il colore del mare e accenda il colore rosso o giallo delle boe; durante un allenamento indoor potrà essere più rilassante avere una lente chiara poco colorata, con una specchiatura leggera che rifletta appena la luce dei lampioni; oppure durante una gara a dorso con il sole ancora alto, il filtro totale di una lente specchiata classica assicurerà la salute degli occhi.

Ogni nuotatore a seconda delle sue abitudini e delle sue specificità potrà scegliere la sua lente, o le sue lenti. Consultando il catalogo MP Michael Phelps, troverai sicuramente la lente che fa al caso tuo! www.michaelphelps.com/it